Mallarmé, la tipografia e l’estetica del libro

Non a tutti è noto il fatto che Mallarmé, il più arduo e aristocratico dei poeti simbolisti, fosse pure un raffinato intenditore di tipografia, attentissimo a tutti gli aspetti materiali che riguardano la stampa e i libri. Il testo più emblematico di questo peculiare interesse è il poemetto “Coup de dés”, ma nell’elaborazione formale di tutta la sua opera poetica è in ogni caso essenziale il rapporto visivo fra la parola stampata e la pagina bianca, l’evidenza dei caratteri e dell’inchiostro sulla vuota campitura del foglio, nonché l’incidenza di ogni concreto dettaglio all’estetica del testo.

Questo libro raccoglie per la prima volta in edizione italiana le ri-flessioni, anzi le «digressioni» di Mallarmé «forma Libro» (da scriversi con la maiuscola, in quanto materializzazione della «grande Opera»: di un’opera «totale»), pubblicate dal poeta sotto il titolo Il Libro, strumento spirituale. Prose di grande forza e suggestione, accompagnate da tre saggi dedicati a come questo specifico interesse di Mallarmé si esprima nella sua opera e quali ripercussioni abbia avuto nelle successive avanguardie.

Pgg. 176
Brossura cucita
Formato: 12,7×20,3cm
Editore: Ronzani Editore
Anno di pubblicazione: 2021

16,00

5 disponibili

Descrizione

a cura di Giuseppe Cantele
Ronzani Editore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mallarmé, la tipografia e l’estetica del libro”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *